Questa è una breve guida (in progress) ai giochi di parole presenti nel blog.

Acrostico, poesiola acrostica
L’acrostico è un componimento nel quale le lettere iniziali di ciascun verso, lette in successione, formano un nome o una frase. Nel poemetto sulla Resistenza, ho applicato la regola con una variante restrittiva: non sono le iniziali di ciascun verso a comporre la parola Resistenza, ma le iniziali di ogni singola parola.

Anagramma, poesiola anagrammatica
L’enigmista Enrico Parodi (Snoopy) definisce l’anagramma con un anagramma: «Lo determini mercé l’esatto / rimescolamento di lettere». Alcune delle mie poesiole anagrammatiche sono costruite ricavando ogni verso dal nome e cognome di un personaggio noto; un esempio è Alda Merini = Ali dan rime.
Un formidabile generatore di anagrammi è il Motore anagrammatico del Gaunt, di Corrado “NightGaunt” Giustozzi.

Fanfola, poesia metasemantica
La gnòsi delle fanfole (Baldini&Castoldi, 1994, con prefazione e commento di Maro Marcellini) è una raccolta di poesie di Fosco Maraini; le fanfole sono componimenti poetici nei quali le parole utilizzate non hanno (per la maggior parte) nessun significato ma sono puri suoni. Nell’introduzione alla raccolta, lo stesso Maraini spiega come nel linguaggio metasemantico “proponi dei suoni ed attendi che il tuo patrimonio d’esperienze interiori, magari il tuo subconscio, dia loro significati, valori emotivi, profondità e bellezze. È dunque la parola come musica e come scintilla”.
Pier Paolo Rinaldi e Stefano Bartezzaghi parlano di fanfole qui e Alessandro Bonino qui.

Ircocervo
“Il gioco dell’ircocervo è più antico del suo nome. Il suo nome credo di averlo inventato io, invitando qualche anno fa i lettori dell’Espresso a fondere tra loro due nomi famosi e a fornire una definizione del nuovo personaggio.”
(Umberto Eco, dalla prefazione al volume ’900 di Massimo Bucchi, Edizioni La Repubblica, 1998. La prefazione si può leggere qui)

Metaversi
Dati due versi noti, bisogna passare dall’uno all’altro attraverso due versi di raccordo appositamente composti dal giocatore.
Ho ritrovato il gioco proposto da Stefano Bartezzaghi in due numeri di Lessico e Nuvole (La Repubblica) (1 e 2) e uno di Tuttolibri (La Stampa).

Poesie a motore
Grazie ad uno spunto offertomi dal compagno di giochi Claudio Mercandino in una conversazione on line (sempre sia lodata la Rete, sempre siano lodati i social network) ho pensato ad un nuovo esperimento di letteratura potenziale (*) e dunque ad una nuova contrainte: partendo da un verso noto (o dall’incipit di un’opera), si fa una ricerca su Google per ognuna delle parole (sostantivi e aggettivi) contenute nel verso stesso: nella prima pagina trovata, si cerca la frase che meglio si presta ad essere usata come verso della nuova poesia; si procede in questo modo fino all’ultima parola.
(*) OULIPO, La letteratura potenziale (Creazioni Ri-creazioni e Ricreazioni), edizione italiana di Ruggero Campagnoli e Yves Hersant, Clueb, Bologna, 1985; www.oplepo.it

Sciara, sciarada haiku
La sciarada haiku è un componimento di tre versi, ideato da Gianmario Missaglia (Green Sport. Un altro sport è possibile, Molfetta, La meridiana, 2002), che ricalca lo schema enigmistico della sciarada, consistente nell’unire due parole per formarne una terza. Stefano Bartezzaghi parla del gioco delle sciare qui e qui.

Traduzioni circolari
I traduttori automatici possono essere dei prodigiosi strumenti di letteratura potenziale (*): si ottengono risultati interessanti traducendo un testo dall’italiano in un’altra lingua qualsiasi e ritraducendo in italiano il testo così ottenuto. Risultati ancora migliori e testi più surreali si ottengono con più di un passaggio.
(*) OULIPO, La letteratura potenziale (Creazioni Ri-creazioni e Ricreazioni), cit.

Versi maltusiani
Le poesie in versi maltusiani, ispirate alle anacreontiche di don Ferdinando Ingarrica, si diffusero agli inizi del ‘900 ad opera dei futuristi e della rivista Lacerba.
Paolo Albani ne parla qui e Pier Paolo Rinaldi qui.
Si tratta di componimenti in quartine di ottonari, dei quali l’ultimo è tronco, quindi interruptus (da cui la definizione di maltusiano). Un esempio tra i miei preferiti è quello di Luciano Folgore, riportato da Ardengo Soffici nella rivista Lacerba (marzo 1913):

Padreterno è quella cosa
Che ti veglia giorno e notte
Ma che poi se ne strafotte
Delle tue calamità.

Annunci

8 Responses to “Guida ai giochi”


  1. 1 icalamari 11 luglio 2013 alle 11:16

    Mi mancava un posto come questo, che frequenterò volentieri e spesso. Ciao 🙂
    Francesca

  2. 3 diegod56 27 luglio 2014 alle 12:54

    molto interessante

  3. 4 Dario Spadaccini 8 luglio 2016 alle 07:36

    Ale, il secondo link, quello di Pier Paolo Rinaldi (http://www.golemindispensabile.it/index.php?_idnodo=16879&_idfrm=61), non funziona più…
    Ciao bella!


  1. 1 Sciare della brezza e dell’ebbrezza | Piove sul bugnato Trackback su 30 agosto 2015 alle 16:28
  2. 2 Sciara dell’8 settembre | Piove sul bugnato Trackback su 8 settembre 2015 alle 11:48
  3. 3 Un’altra sciara sola | Piove sul bugnato Trackback su 14 maggio 2016 alle 14:47

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Informativa sui cookie

Questo blog potrebbe utilizzare cookie di terze parti di cui l’autrice non è responsabile.
Per maggiori informazioni sulla gestione dei cookie e per conoscere la procedura per disattivarli, vai alla pagina Privacy e cookie.
Continuando a navigare e cliccando sui link all'interno del blog, si presta il consenso all'uso dei cookie.

Pubblicità su questo blog

Ho scoperto che sulle pagine di questo blog potrebbero apparire messaggi pubblicitari, che io non vedo ma i lettori del blog sì. Non sono io ad aver scelto di ospitare pubblicità, e nessuno mi paga per questa ospitalità. Pare, anzi, che gli spot pubblicitari siano il prezzo da pagare a WordPress per poter tenere un blog gratuito.

Blog Stats

  • 70,455 hits

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 638 follower

Mail

alessandra.celano chiocciola gmail.com
Licenza Creative Commons
Piove sul bugnato by Alessandra Celano is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at piovesulbugnato.wordpress.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at piovesulbugnato.wordpress.com.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti linkati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: