Archivio per maggio 2013

Endecasillabi del silenzio #2

Il Post ha pubblicato, nel numero del 22 aprile 2013, una raccolta di fotografie spettacolari di luoghi abbandonati: luoghi molto suggestivi e foto molto commoventi, che mi hanno ispirato gli endecasillabi del silenzio.

Chernobyl - 20 Years After Nuclear Meltdown

Chernobyl, Ucraina

L’autoscontro della città abbandonata di Pripyat, vicina all’area della centrale nucleare di Chernobyl, famosa per essere stata colpita dal più grave incidente che si è mai verificato in una centrale nucleare. Oggi la città è praticamente disabitata […] (Daniel Berehulak/Getty Images)

C’è un’eco delle voci, raggelata
in tutto il bianco, un’eco di risata
sperduta fra i tralicci, del rumore
soffocato di gomma e di motore.

Fili di un’erba lunga, impura e nera,
sono scheletri esili, venuti
come custodi del silenzio, e muti
come l’etrusca ombra della sera.

I primi endecasillabi del silenzio sono qui

Annunci

Luoghi a(nagram)mati: Centrale Montemartini

062JMRA Roma, lungo la Via Ostiense, c’è la Centrale Montemartini, una centrale elettrica risalente agli inizi del ‘900, trasformata in museo negli anni ’80, che oggi ospita un’esposizione permanente di meravigliose sculture – ma anche mosaici e affreschi – provenienti dalla collezione dei Musei Capitolini.
Il riuscito e felicissimo connubio tra archeologia classica e industriale è nell’eleganza dei marmi conviventi con le macchine, nel nero metallico del moderno accostato al bianco dell’antico, nel chiarore umanistico del classico contrastato dai complessi ingranaggi da magnifiche sorti e progressive.
La Centrale Montemartini è una bellissima oasi in una parte della città non particolarmente attraente; il contrasto tra l’edificio – con la bellezza che contiene – e il contesto è stridente, a differenza di quello mirabilmente risolto all’interno.

Entrino marmi! Lancette,
antenne, marmitte, Locri,
l’antico. Mentre nei tram
monti, reclamante treni,
mentre torni macilenta
(momenti nel tritacarne,
neri tram) l’antico mente.

(ogni verso è l’anagramma di Centrale Montemartini)

Nota:
Locri, comparso da sé nell’anagramma, l’ho conservato come riferimento alla Magna Grecia

Endecasillabi del silenzio

Il Post ha pubblicato, nel numero del 22 aprile 2013, una raccolta di fotografie spettacolari di luoghi abbandonati: luoghi molto suggestivi e foto molto commoventi, che mi hanno ispirato gli endecasillabi del silenzio.

Kolmanskop-ghost-town

Kolmanskop, Namibia

Si trova a pochi chilometri dalla città portuale di Lüderitz. Fu abbandonata dai suoi abitanti dopo la prima guerra mondiale, quando l’attività estrattiva dei diamanti iniziò a diminuire. Oggi è una destinazione turistica molto popolare in Namibia, anche grazie all’atmosfera particolarissima che si crea durante le frequenti tempeste di sabbia.
(Gaftels)

La sabbia nella casa, c’è una porta
bloccata nella duna, ferma al vento
e al silenzio: è come uno spavento,
come un sibilo nella vena aorta.

La vena del diamante, la fatica
miniata alle pareti di miniera
blu di roccia, un’esistenza nera
di polvere, di un’oppressione antica.

Tre limerick di primavera

Un meteorologo di Bordighera
ascoltava rondò da mane a sera.
Un giorno, malinconico
per il problema ozonico,
pensò: «Un rondò non fa, no, primavera.»

Un poeta esimio a San Giorgio Scarampi,
rintronato dai tanti tuoni e lampi,
si chiedeva ogni giorno:
«Cos’era che d’intorno
brilla nell’aria, esulta per li campi?»

Una giovane donna di Lucera
di fronte a un bellimbusto in canottiera
che al sole si beava
e ozioso ciabattava,
tra sé e sé mormorò: «Che fretta c’era?»

Un limerick per Cécile Kyenge

Un ministro italiano di Kambove
diceva: «Sono nera e ne ho le prove,
non dite di colore».
I razzisti, in bollore,
farneticavano: «La moglie, il bove…»


Informativa sui cookie

Questo blog potrebbe utilizzare cookie di terze parti di cui l’autrice non è responsabile.
Per maggiori informazioni sulla gestione dei cookie e per conoscere la procedura per disattivarli, vai alla pagina Privacy e cookie.
Continuando a navigare e cliccando sui link all'interno del blog, si presta il consenso all'uso dei cookie.

Pubblicità su questo blog

Ho scoperto che sulle pagine di questo blog potrebbero apparire messaggi pubblicitari, che io non vedo ma i lettori del blog sì. Non sono io ad aver scelto di ospitare pubblicità, e nessuno mi paga per questa ospitalità. Pare, anzi, che gli spot pubblicitari siano il prezzo da pagare a WordPress per poter tenere un blog gratuito.

Blog Stats

  • 70,455 hits

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 638 follower

Mail

alessandra.celano chiocciola gmail.com
Licenza Creative Commons
Piove sul bugnato by Alessandra Celano is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at piovesulbugnato.wordpress.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at piovesulbugnato.wordpress.com.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti linkati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: