Leopolda: un limerick

Alessandro Baricco ha partecipato al convegno organizzato dal sindaco di Firenze Matteo Renzi (il rottamatore) alla stazione Leopolda della città. Il video del discorso è reperibile un po’ ovunque; a me è piaciuto molto ciò che ne ha raccontato un altro scrittore, Paolo Nori.
In tutto questo, il mio limerick non ha nessun senso.

Uno scrittore, alla stazion Leopolda,
sembrava un capitano sulla tolda:
«Stavolta non sbagliamo!»
incitò, «e rotta amiamo!»
quello scrittore alla stazion Leopolda.

Annunci

7 Responses to “Leopolda: un limerick”


  1. 1 GuestWho 31 ottobre 2011 alle 09:19

    Pseudolimerick per anziani

    Un centoidealista alla stazione
    voleva rottamare ogni vagone
    “Ah! Se il capo io fossi
    userei i Rivarossi!”
    Scatenò dei piccini l’ovazione

      • 3 GuestWho 31 ottobre 2011 alle 14:16

        Grazie. Aggiungo un altro limerick tarocco

        Binario n.5

        Giovanold, un barocco e noto autore,
        di venir rottamato avea il timore
        Sottopose a aspra critica
        la sua storia politica
        ben nota a tutti qui a Tralfamadore

      • 4 Alessandra 31 ottobre 2011 alle 16:05

        Ne aggiungo anch’io uno:

        Politici e scrittori alla Leopolda

        In quel convegno presso la stazione,
        a un certo punto fu gran confusione:
        “Di Leopolda al binario
        il treno era in orario!”
        Non si capì la doppia citazione.

  2. 5 Kees Popinga 11 novembre 2011 alle 23:30

    Il libro di Baricco fu un successone,
    ma che commerciale fosse l’operazione
    era chiaro sul risvolto, al centro:
    “Consumare di preferenza entro
    (vedi data sul retro della confezione)”

  3. 6 Kees Popinga 15 novembre 2011 alle 22:11

    Un politico arrembante capì l’andazzo
    e si presentò spacciandosi per ragazzo,
    ma il suo progetto
    era di fare effetto
    e politicamente non valeva un cazzo.


  1. 1 Due Limerick della Leopolda | Piove sul bugnato Trackback su 27 ottobre 2014 alle 20:36

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Informativa sui cookie

Questo blog potrebbe utilizzare cookie di terze parti di cui l’autrice non è responsabile.
Per maggiori informazioni sulla gestione dei cookie e per conoscere la procedura per disattivarli, vai alla pagina Privacy e cookie.
Continuando a navigare e cliccando sui link all'interno del blog, si presta il consenso all'uso dei cookie.

Pubblicità su questo blog

Ho scoperto che sulle pagine di questo blog potrebbero apparire messaggi pubblicitari, che io non vedo ma i lettori del blog sì. Non sono io ad aver scelto di ospitare pubblicità, e nessuno mi paga per questa ospitalità. Pare, anzi, che gli spot pubblicitari siano il prezzo da pagare a WordPress per poter tenere un blog gratuito.

Blog Stats

  • 71,361 hits

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 638 follower

Mail

alessandra.celano chiocciola gmail.com
Licenza Creative Commons
Piove sul bugnato by Alessandra Celano is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at piovesulbugnato.wordpress.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at piovesulbugnato.wordpress.com.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti linkati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: