Social limerick etruschi

Un giorno, su un social network che frequento, vic ha nominato Populonia e Vetulonia. Ispirata da questi bei toponimi, ho risposto con un limerick. Subito anche altri amici hanno risposto, come spesso succede nei social network (e questo è uno dei motivi per cui mi piace frequentarli) e ne sono venuti fuori un bel po’ di versi, più o meno insensati:

Un celebre architetto a Vetulonia
fu invitato a una triste cerimonia.
Vi rimase in disparte
scrutando in certe carte,
e canticchiò “Sognando California”.
(Alessandra)

Nel golfo prospicente Populonia
l’etrusco coltivava una begonia
poi vennero i Romani
e non vi fu domani
per il povero etrusco e la begonia.
(Marco Beccaria)

Un giovane turista a Vetulonia
disse: “Qua è peggio della Caledonia!”
Ma “l’ombra della sera”
bellissima e severa
gli fece perdere quell’acrimonia.
(Alessandra)

Un bancario interista di Baratti
non amava il mercato di Moratti
“Se vendiamo Cambiasso
possiam prendere un asso
tipo Pancev, Vampeta o Paramatti”
(Marco Beccaria)

In risposta al limerick con l’ombra della sera, vic precisa quanto segue: “l’ombra della sera è a Volterra, non a Vetulonia (e se non ce lo so io, ché il babbo nacque nella casa a cinquanta metri dal museo guarnacci)”

Giacomettiana, l’ombra della sera
verseggiando, in città non veritiera
fu messa; tosto vic
corresse nunc et hic
ché il babbo nacque a un passo da dov’era.
(batduccio)

In quei versi ispirati a Populonia
e Vetulonia, ormai era babilonia.
«Cerchiam nei cinefòra
“L’etrusco uccide ancora”»
disse uno dall’aria un poco ctonia.
(Alessandra)

Ho in casa un clone d’ombra della sera
ma è circa la metà di quella vera
non sono un lucumone
ma senza esitazione
cor core dico: sono de Voltera.
(vic)

Lo zio di nonna Monia a Vetulonia
Le espose la seguente querimonia:
se tu sei vecchia, cara
io quasi ho nella bara
il piede in quanto zio di nonna Monia.
(Arimsvotnpölpzwei)

Questo thread nonsense, witty, dada e freak
qualcuno spinge in alto, in home, col cric.
Giuro (non è fandonia),
mo buco Vetulonia,
Volterra e Populonia, e puro Vic!
(Leonardo)

Un professore di Canicattì (*)
irritato dagli up del thread ch’è qui
sbottò con modi bruschi:
“Oh! E che palle ‘sti Etruschi!”
e i poeti in effetti li azzittì.
(Alessandra)

(*) non sapevo di dove fosse Leonardo; gliel’ho chiesto:

Un noto professore di Piacenza
a un certo punto perse la pazienza:
“Men fastidioso è un tic
dei vostri limerìck!”
Ma non ne aveva colpa il poro vic.
(Alessandra)

(qui non ho rispettato la regola delle rime AABBA)

Il giorno successivo, ho aperto il libro di Stefano Bartezzaghi (Sedia a sdraio – Giochi impensati per svagare la mente, Salani editore) appena arrivato, e la prima cosa che mi è apparsa è stato un limerick (secondo me molto bello) di Duccio. Poi sono andata indietro a cercare un altra pagina in cui si parlava di limerick e ho trovato: “I limerick sono strofe di cinque versi. […] In fondo al primo verso, e spesso anche all’ultimo, c’è il nome di un posto: ‘C’è un prete in pedalò a Populonia…'” Stupita (ma neanche poi tanto, ché ci sono abbastanza abituata) da questa bella coincidenza, simile a quelle che la poetessa Giulia Niccolai chiama frisbee, l’ho raccontata agli amici del thread. Vic, che deve averla interpretata come un caso di serendipity, ha risposto così:

Un ballerino scalzo a Serendip
dopo del tap scoprì per caso il tip
restò nascosto il rap
però ha colmato un gap
quel ballerino scalzo a Serendip.
(vic)

Annunci

9 Responses to “Social limerick etruschi”


  1. 1 Leonardo 24 luglio 2011 alle 12:17

    Va là, che è una bella mandria di matti 🙂 (tra i quali vic eccelle abbastanza, devo ammettere)

  2. 3 alfo 24 luglio 2011 alle 16:51

    Eccone uno regionale:

    Soleva andare solo a Positano
    cercando di far sòle a tutto spiano
    ma col carabiniere
    e il vino nel bicchiere
    finì diritto al carcere di Ariano

    (Ariano è Ariano Irpino, dove si trova quello che un tempo veniva chiamato supercarcere)

  3. 6 Michele Perone 24 luglio 2011 alle 19:45

    Regionale per regionale…
    Un amico stanco di vivere a Salerno
    traslocò nel paesino natio di Acerno.
    Nel piccolo borgo ritrovò se stesso
    accorgendosi di ridere più spesso,
    felice d’esser tornato al paese paterno.

  4. 7 Popinga 31 luglio 2011 alle 19:28

    È agli atti che il teste veniva attinto
    da un impulso sempre più distinto.
    A domanda dell’inquirente
    su quella voglia emergente
    dichiarò che al limerick era sospinto.

    Allora:

    C’era un giovane camallo di Rapallo
    che un dì perse le scarpine da ballo.
    Sgualcì, in sovrappiù,
    il suo grazioso tutù,
    l’equivoco camallo ballerino di Rapallo.

    Ciao.


  1. 1 Placida Signora » Blog Archive » Placide Segnalazio’: elenco in progress di cose belle da leggere e guardare Trackback su 29 luglio 2011 alle 11:21

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Informativa sui cookie

Questo blog potrebbe utilizzare cookie di terze parti di cui l’autrice non è responsabile.
Per maggiori informazioni sulla gestione dei cookie e per conoscere la procedura per disattivarli, vai alla pagina Privacy e cookie.
Continuando a navigare e cliccando sui link all'interno del blog, si presta il consenso all'uso dei cookie.

Pubblicità su questo blog

Ho scoperto che sulle pagine di questo blog potrebbero apparire messaggi pubblicitari, che io non vedo ma i lettori del blog sì. Non sono io ad aver scelto di ospitare pubblicità, e nessuno mi paga per questa ospitalità. Pare, anzi, che gli spot pubblicitari siano il prezzo da pagare a WordPress per poter tenere un blog gratuito.

Blog Stats

  • 71,497 hits

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 638 follower

Mail

alessandra.celano chiocciola gmail.com
Licenza Creative Commons
Piove sul bugnato by Alessandra Celano is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at piovesulbugnato.wordpress.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at piovesulbugnato.wordpress.com.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti linkati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: