Sciare del qui e del qua

Le soluzioni, come sempre, sono in fondo.

1.
Se non sei qui
è per un errore del cuore,
per un’ubriacatura.

2.
Se non sei qui
è per questa docile
linea di confine.

3.
Sono io stessa
se non sei qua
il frutto del peccato.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1, Lì, quore, liquore
2. Lì, mite, limite
3. Me, là, mela

Altre due sciare

Le soluzioni, come sempre, sono in fondo.

1.
Ha un prezzo la colpa
e domina
come una rosa, una rosa, una rosa.

2.
Insieme
abbiamo una meta
che ci unisce e ci separa.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
1. Fio, re, fiore
2. Con, fine, confine

Anagrammi per Charlie Hebdo e una poesia di Aldo Nove

Charlie Hebdo
dal “boh” che eri,
oh, ledi brache.
Ah che bel! Rido.

Dopo aver tentato un minuscolo tributo con questo gioco anagrammatico, mi sono imbattuta in una bella poesia di Aldo Nove, che mi è sembrata perfetta (anche) per provare a riassumere cosa sta succedendo in questi giorni furibondi. Si intitola Lo spazio e si trova in Addio mio Novecento, a pagina 54:

Abbiamo tutti un tremendo
bisogno di parlare ovvero scrivere
che non sappiamo più di cosa parlare
né di cosa scrivere ovunque
e senza sosta perché il silenzio
è lo spazio bianco in cui cade residuo
il senso in eccesso ma tanto,
ma troppo presente ed ovunque.

Quello che rimane del mondo
è prosa che brucia enunciando
la propria sintassi
soltanto o neanche.

È questo normale spavento.

Maltusiani e limerick di fine anno

Auguri!

*

Capodanno è quella cosa
che facciamo dei bilanci,
e propositi – con slanci
improbabili – facciam.

Capodanno è quella cosa
che a una fine ed un inizio
noi brindiamo e – brutto vizio –
molti sparano dei bott.

Capodanno è quella cosa
che se stiamo messi male
fino all’ultimo, è fatale:
cambia tutto a mezzanott.

*

Una ragazza astemia di Marino
a San Silvestro bevve un po’ di vino
e festeggiò l’inizio
dell’anno e un nuovo vizio.
La sbornia le durò fino al mattino.

Una ragazza astemia di Marino
volle osare, il trentuno, bere vino
e festeggiò l’inizio
dell’anno a precipizio.
Il nuovo anno le portò un bambino.

Anagrammi della vigilia di Natale

Molto nonsense e molte suggestioni da social network.
Buone feste!

Le dita, agili navi,
digitavan lai. «Lei
è villana! » digitai.
La valigia, te, nidi
adagiati in ville.
Là, dai vini gelati,
vani etili. Algida
agii. Lenta, livida.
Nella via, digitai:
«Via di là, lagni! Ite!»

(ogni verso è l’anagramma di Vigilia di Natale)

Sciare del profondo

Le soluzioni, come sempre, sono in fondo. E, come sempre, per sapere che cos’è una sciara si può andare a leggere qui.

.

1. È una forza ignota
un istinto, una spinta
che ti manda via.

2. È nel profondo
come i resti di Troia
come il viaggio di Enea.

3. Sul collo
tra labbra e collo
è il mio lascito.
.
.
.
.
.
.
.
.
1. Es, pulsione, espulsione
2. Es, Ilio, esilio
3. Testa, mento, testamento

Parodia montaliana: il risotto

Con questa parodia di Meriggiare pallido e assorto ho partecipato a un gioco lanciato dal blog L’officina della parola – Un libro e un blog di Stefano Brugnolo e Giulio Mozzi

Mescolare madido e assorto
un risotto ai sapori dell’orto,
annusare tra i porri e il radicchio
il Merlino che sfuma (no, è Verdicchio).

(Sulle crêpes già pronte con la veccia (*)
spiar le file di rosse formiche
ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano
a sommo di minuscole biche.)

Osservare alla fine il palpitare
delle scaglie di grana a mantecare
mentre si levano (**) d’aglio gli spicchi e
si compattano i calvi chicchi.

E fondendosi l’ultima scaglia
scoprire con triste meraviglia
com’è tutta una macchia la tovaglia.
Dov’è il promesso bianco che t’abbaglia?
A seguir le réclame non ci si piglia.

(*) La Vicia sativa pare sia commestibile.
(**) qui “si levano” va inteso come “si tolgono”

Una variante dell’ ultima strofa:

E fondendosi l’ultima scaglia
scoprire con triste meraviglia
com’è tutta una macchia la tovaglia:
a volte col bucato ci si sbaglia.
Ma è in cima il cavatappi alla bottiglia.

Anagrammi in memoria di Stefano Cucchi

All’indomani della sentenza di appello del processo Cucchi, una delle pagine più tristi e vergognose della nostra Storia, questi anagrammi vorrebbero essere un tributo alla memoria di Stefano.

Stefano Cucchi, ieri
fa echi in “t’uccisero”.

Stefano Cucchi, ieri
e finora: chi t’uccise?

Due Limerick della Leopolda

Un altro limerick della Leopolda, risalente al 2011 e ispirato da un intervento di Alessandro Baricco al convegno organizzato dall’allora sindaco di Firenze, è qui

Il capo del Governo, alla Leopolda,
rivolto alla sinistra manigolda:
«Credete che l’aifòne
funzioni col gettone!»
strillò, e fu ovazione alla Leopolda.

Il capo del Governo, alla Leopolda,
contro il nostalgico che non si assolda
sbottò: «Cerchi il rullino
per le foto? Cretino!»
quel Grande Innovatore alla Leopolda.

P.S. La rima con Leopolda è difficilissima


Pubblicità su questo blog

Ho scoperto che sulle pagine di questo blog potrebbero apparire messaggi pubblicitari, che io non vedo ma i lettori del blog sì. Non sono io ad aver scelto di ospitare pubblicità, e nessuno mi paga per questa ospitalità. Pare, anzi, che gli spot pubblicitari siano il prezzo da pagare a WordPress per poter tenere un blog gratuito.

Blog Stats

  • 43,135 hits

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Unisciti agli altri 790 follower

Mail

alessandra.celano chiocciola gmail.com
Licenza Creative Commons
Piove sul bugnato by Alessandra Celano is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at piovesulbugnato.wordpress.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at piovesulbugnato.wordpress.com.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti linkati.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 790 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: